PCTO – Proposte di percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento 2020/21

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail

 

L’Associazione Italia Nostra ha sempre avuto nella sua mission una cura particolare per la scuola, tanto da costituire al suo interno un attivo Settore di Educazione e Formazione, che dialoga costantemente, attraverso Protocolli di Intesa, con il Ministero dell’Istruzione, il MIBACT e il MATTM e promuove accordi con altre associazioni per la realizzazione di progetti diversi, con una particolare attenzione all’innovazione.

Infatti, il Settore realizza iniziative di formazione dei docenti e di educazione degli studenti, stipulando convenzioni con le scuole per la progettazione di PON, promuovendo campagne e progetti per educare alla cittadinanza attiva e organizzando PCTO in accordo con le diverse istituzioni scolastiche.

In questo momento storico di grande delicatezza e problematicità per studenti, docenti e dirigenti, l’Associazione ha deciso di adattare la propria progettazione alle nuove esigenze, proponendo alle istituzioni scolastiche dei progetti di PCTO da realizzare a distanza: in un momento in cui non si possono costituire patti di alleanza e dialogo in presenza, la scuola e Italia Nostra possono comunque riattivare, con modalità diverse, ma sempre collaborative e partecipate (in una logica di cogestione e non semplice trasmissione), un processo condiviso di rigenerazione educativa dei giovani all’ambiente, al paesaggio, al patrimonio, alla cultura materiale e immateriale, intesi come strumenti di promozione sociale e civile e come pratiche di ‘orientamento’ utili a creare professionalità motivate, classi dirigenti preparate e culturalmente strutturate[1].

Questa volontà di essere presenti, solidali e collaborativi con le scuole mira a creare un forte legame tra educazione, formazione e società civile per realizzare un’educazione alla cittadinanza, ora più che mai da intendersi come osservazione strutturata del reale e riflessione sulle possibilità di intervenire sullo stesso per individuarne le fragilità e trasformarle in punti di forza.

Infatti, conoscere, scoprire e comunicare ciò che si è appreso, anche attraverso i linguaggi della tecnologia, restituendolo in una dimensione di partecipazione e fruizione collettiva, è esercizio delle competenze di cittadinanza.

In questo senso i diversi PCTO che vi proponiamo (adattabili ai differenti curricula scolastici) sono pensati anche come convergenti sulle linee guida ministeriali per l’insegnamento dell’Educazione Civica.

 

SCARICA IL DOCUMENTO CON LE 7 PROPOSTE DI PCTO: PCTO_Documento complessivo def

  1. IO NON TI ABBANDONO. Un impegno civico per la tutela dei beni a rischio del nostro patrimonio artistico, culturale, paesaggistico
  2. IN-produttivo. Italia Nostra e Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale (AIPAI) per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio archeologico industriale come identità dei luoghi e delle attività produttive
  3. #MISPORCOLEMANI. Un approccio empirico finalizzato alla tutela del patrimonio artistico, culturale, paesaggistico della Nazione
  4. L’ITALIA SCONOSCIUTA DEI PICCOLI MUSEI. Una risorsa dei territori da scoprire e valorizzare
  5. Costruire (IN) Bellezza. L’impegno civico del “conoscere per conservare” il patrimonio artistico, culturale, paesaggistico
  6. ABITARE IL PATRIMONIO COMUNE: beni culturali e città tra passato, presente, futuro
  7. IN Cammino. Progettazione di un nuovo modello di turismo “lento” ed esperienziale

 

[1]  I PCTO, che le istituzioni scolastiche promuovono per sviluppare le competenze trasversali, contribuiscono a esaltare la valenza formativa dell’orientamento in itinere, laddove pongono gli studenti nella condizione di maturare un atteggiamento di graduale e sempre maggiore consapevolezza delle proprie vocazioni, in funzione del contesto di riferimento e della realizzazione del proprio progetto personale e sociale, in una logica centrata sull’auto-orientamento (dalle linee-guida sui PCTO ai sensi dell’articolo 1, comma 785, legge 30 dicembre 2018, n. 145)