Sono usciti i bandi dei concorsi nazionali per il 2022-23!

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail

Siamo lieti di annunciarvi che sono usciti i bandi dei Concorsi Nazionali 2022-23 dedicati ai ragazzi dalla scuola dell’infanzia alla primaria, alla scuola secondaria di secondo grado, gli studenti di tutta Italia possono partecipare e così lavorando divertendosi imparare a conoscere e amare i paesaggi e i beni culturali dei loro territori. Per tutte le informazioni vai su: https://www.italianostraeducazione.org/homepage/concorsi/

IN un Paesaggio di Fiabe

Italia Nostra e il MI bandiscono, all’interno del progetto educativo nazionale di durata triennale “Il paesaggio nelle fiabe italiane e nel mondo” (vedi allegato 1), il Concorso “IN un paesaggio di fiabe” con il quale si intende sollecitare, anche a partire dall’operazione realizzata da Calvino con le sue Fiabe italiane, un confronto con questa particolare forma narrativa. Il Concorso intende favorire il riconoscimento, presso bambini e giovani alunni, di quegli elementi materiali, tradizionali, ambientali e/o paesaggistici presenti nelle fiabe, che sono costitutivi della identità storico culturale del Paese o della regione di appartenenza. Si vuole, quindi, promuovere una lettura e una narrazione delle fiabe, anche con il coinvolgimento dei genitori, degli operatori e dei mediatori culturali, che sia orientata a rivolgere una particolare attenzione al tema del paesaggio inteso tanto come sfondo delle narrazioni quanto come elemento costitutivo delle stesse e talvolta persino come personaggio protagonista.

Consulta il bando: Concorso – IN un paesaggio di fiabe

IN cerca del mio Paesaggio

L’Associazione Italia Nostra, dando attuazione ai due Protocolli di Intesa stipulati tra Italia Nostra, il MI (Direzione Generale per lo studente) e il MIC (Direzione Generale per l’Educazione e la Ricerca) bandisce la quarta edizione del Concorso “IN cerca del mio paesaggio”, (che nelle precedenti edizioni ha ottenuto la medaglia del Presidente della Repubblica quale suo premio di rappresentanza), rivolto alle classi della Scuola Primaria e della Secondaria di Primo Grado. La finalità generale del concorso è quella di offrire agli studenti, guidati dai docenti, l’opportunità di conoscere il patrimonio culturale del loro territorio e di far acquisire la consapevolezza che esso vada tutelato e salvaguardato.

Consulta il bando: Concorso In cerca del mio paesaggio

La scuola adotta un piccolo comune

I piccoli Comuni, circa 6000, spesso inseriti in contesti ambientali di grande pregio naturalistico e/o paesaggistico, costituiscono un’Italia parallela ed infinita che, con la loro capillare presenza su tutto il territorio, spiegano i capoluoghi e le città più grandi. Per quanto piccoli, essi hanno sicuri connotati urbani: palazzi pubblici, palazzi gentilizi, case padronali, chiese monumentali, conventi, monumenti, musei territoriali, spazi per il commercio e per la vita sociale, strutture per le attività ricreative. Pur nella presenza comune di queste caratteristiche, ciascuna realtà urbana ha la propria originalità e caratterizzazione. Da queste premesse deriva la volontà di Italia Nostra di proporre la sperimentazione di percorsi virtuosi che favoriscano la rinascita dei piccoli comuni attraverso un’attività didattica multidisciplinare e interattiva. Lo studio dei piccoli Comuni consentirà di ampliare la conoscenza del territorio per una sua valorizzazione anche nella direzione di un turismo sostenibile.

Consulta il bando: Concorso – La scuola adotta un piccolo comune

Mura, Limes e Urbe

L’Associazione Italia Nostra propone alle scuole secondarie di primo e agli studenti del biennio della scuola secondaria di secondo grado un concorso finalizzato a favorire una riflessione sullo stato delle mura urbiche, delle delimitazioni territoriali, dei limes e sulla necessità di eventuali azioni  di tutela e valorizzazione. Dalle poleis all’età moderna, i limes definivano l’urbe, le pertinenze, delimitavano possessi, condizioni, vantaggi e obblighi politico-sociali. In qualche caso ancora oggi questi antichi confini, siano essi mura, canali, fiumi, fossati o altro, contribuiscono a demarcare un centro da una periferia, il borgo dall’agro, l’antico dal moderno, nonostante siano venute meno le loro originarie funzioni. In altri casi essi non sussistono se non nella memoria dei documenti.

Consulta il bando: Concorso Mura urbiche